Come definire i processi di produzione di circuiti stampati

Una delle mie citazioni preferite da Zig Ziglar è “Successo significa fare il meglio che possiamo con ciò che abbiamo. Il successo è ciò che facciamo, non ciò che otteniamo... è il tentativo, non il trionfo. Il successo è uno standard personale, il raggiungimento del picco che c’è in noi, diventare tutto ciò che possiamo essere”.

Mi piace: fare il meglio che possiamo con ciò che abbiamo. Vorrei aggiungere inoltre che, per avere successo, dobbiamo avere aspettative realistiche e comprendere realmente ciò che significa il successo, poiché ciò potrebbe essere diverso per ognuno di noi.

In questo blog prenderemo in esame ciò che significa “successo” nella gestione dei dati PCB. A causa dei cambiamenti costanti e dinamici delle informazioni, le nostre librerie diventano un oggetto vivente. Daremo uno sguardo alla linea di riferimento dei sistemi di dati affinché possiate operare con i minori rischi possibili.

Nella seconda parte, osserveremo più da vicino ciò che implica la regola S.M.A.R.T per i sistemi di gestione dei dati PCB e come tale regola garantisca il successo.

Cosa determina il successo della gestione dei dati PCB?

Ritengo che il termine “successo” nell’ambito della gestione del PCB design abbia molte sfaccettature. Quando avviai il nostro sistema di gestione dei dati PCB, capii in fretta che si trattava di un’impresa enorme. Non c’era una linea d’arrivo da varcare. I progetti riguardanti le librerie e la gestione dei dati PCB non erano progetti tipici. Un progetto tipico è un progetto che inizia con un obiettivo ben chiaro e finisce quando tale obiettivo è stato raggiunto. Se ciò che abbiamo progettato funziona, è un buon segno. Non è così per la gestione dei dati PCB, che prevede livelli di successo condizionali. Ne parleremo meglio più avanti.

Informazioni statiche o dinamiche

Il motivo principale del “successo condizionale” del nostro sistema di dati è rappresentato dalla natura stessa dei dati. I dati del nostro sistema rientrano in due categorie principali. I primi sono statici, ovvero non cambiano mai. Alcuni esempi di dati statici sono il produttore, il codice prodotto, il simbolo schematico e il modello 3D.

La seconda categoria è composta dai dati dinamici, ovvero informazioni che cambiano o evolvono costantemente. Esempi di dati dinamici sono fornitori, prezzi, quantità disponibili e talvolta persino le informazioni parametriche.

Poiché i dati dinamici cambiano, è necessario aggiornare regolarmente i componenti. È questo che rende il sistema di gestione dei dati PCB un oggetto vivente. Se i dati dinamici non sono mantenuti aggiornati nel sistema di gestione dei dati PCB, diventano irrilevanti e inutili per il progettista PCB. Un termine utilizzato per descrivere una libreria di questo tipo è “rafferma”.

Qual è l’obiettivo di un sistema di gestione dei dati PCB?

Se è vero che i componenti cambiano costantemente, qual è la linea di base di partenza che dovrebbe avere il nostro sistema di gestione dei dati? Accettiamo il fatto che alcuni dei dati, ad un certo punto, cambieranno. Tuttavia, garantendo il raggiungimento degli standard di base, è possibile sviluppare un PCB design con il minimo livello di rischio possibile. Due standard che è essenziale avere sono i requisiti minimi dei componenti e un processo di revisione.

Requisiti minimi dei componenti

I componenti nuovi dovrebbero soddisfare una serie di requisiti. Per esempio, se un tipico simbolo schematico richiede oggetti specifici, ciò dovrebbe includere connessioni pin, numero pin, nome pin, corpo schematico, designatore di referenza di default, nome e descrizione del componente. Sul lato Footprint (Decal) dovrebbe includere, pad, informazioni d’assemblaggio, serigrafia, posizionamento e modello 3D. Si costruisce quindi l’intero componente con il nome/descrizione specifici, le informazioni sul componente parametrico, il sourcing, i modelli del simbolo schematico, il footprint e talvolta un modello di simulazione.

Processo di revisione

L’altro standard è rappresentato dal processo di revisione, del quale parleremo più approfonditamente nella seconda parte di questo blog.

Si dispone di riferimento di base di ciò che è incluso nel componente e di un documento di riferimento che consente di verificare che le informazioni siano presenti nella scheda dati.

Una pratica comune consiste nel mettere in quarantena i nuovi componenti fino a che non superano il processo di revisione. In tal modo, i problemi non passano attraverso il PCB design e, soprattutto, non raggiungono il PCB fabricator.

L’obiettivo iniziale della gestione dei dati PCB è quello di avere componenti creati con il minor numero di elementi. In secondo luogo, una revisione di tali componenti a livello di accuratezza rispetto alla scheda dati, il che implica l’aggiornamento di informazioni specifiche (dinamiche) con il passare del tempo. Tuttavia, dovremmo già avere a questo punto un sistema di gestione dei dati di successo.

Conclusione

Abbiamo ora un’aspettativa realistica del successo del nostro sistema di gestione dei dati PCB. Possiamo, per rifarci alle parole di Zig Ziglar, “fare il meglio che possiamo con ciò che abbiamo”. Partiamo da fondamenta solide e possiamo costruire su di esse. Soprattutto, tali fondamenta non crolleranno.

Nella seconda parte del blog prenderemo in esame il modo di costruire il nostro sistema di gestione dei dati utilizzando la regola S.M.A.R.T. Sebbene ogni sistema sia diverso a livello di specifiche tecniche, le regole generali utilizzate sono le stesse.

Volete saperne di più su come Altium Designer può aiutarvi nella gestione dei dati PCB? Contattate un esperto di Altium per scoprire come prendere decisioni di sourcing con facilità e sicurezza.

Informazioni sull'autore

John Watson


With nearly 40 years in the Electronic industry with 20 of them being in the field of PCB Design and engineering, John has stayed on the cutting edge of the PCB industry as a designer/Engineer and more recently as a trainer and mentor. His primary work has been in the Manufacturing field but it has also expanded to several PCB Service arenas. As a veteran, he proudly served in the Army in the Military Intelligence field.

John is a CID Certified PCB designer. Presently pursuing his Advance CID certification. Now as the Senior PCB engineer at Legrand Inc, he leads the PCB Designers and Engineers in various divisions across the United States and China.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Altri Contenuti da John Watson
Articolo precedente
Cos’è la gestione dei dati PCB?
Cos’è la gestione dei dati PCB?

Analizziamo un po' questa definizione.

Articolo successivo
I problemi più comuni dei processi e sistemi di gestione dei dati PCB
I problemi più comuni dei processi e sistemi di gestione dei dati PCB

Se già conoscete le principali insidie, siete a metà dell’opera. Cliccate per leggere i consigli dell’esper...