Un Esoscheletro Competitivo da Project March del Dream Team dell'Università Tecnica di Delft.

Judy Warner: Robbert, per favore raccontaci un po’ riguardo la tua facoltà alla Delft Technical University ed il tuo ruolo nel Project March.

Robbert de Lange: Io studio ingegneria civile ed il mio ruolo in Project March è Acquisizione e PR. Attualmente, mi sono preso un anno dagli studi per concentrarmi a tempo-pieno sul Project March.

Warner: Cosa ti ha motivato nel prendere un intero anno dai tuoi studi per investire nel Project March?

De Lange: Al di là dell’apprendimento accademico e la disciplina acquisita all’università, voglio dedicare quest’anno allo sviluppo personale dei miei soft skills, come capacità di comunicazione, e l’interazione con sponsor e media - ma soprattutto, mi piace tanto aiutare le persone. Quest’anno mi permetterà di concentrarmi sull’aiutare le persone con disabilità. Siamo giusto una parte dei Dream Team all’Università Tecnica di Delft a tutti condividiamo una struttura chiamata Dream Hall dove possiamo lavorare sui nostri progetti. Tutte le squadre stanno lavorando su alcuni tipi di veicolo. Project March è la sola squadra che sta creando un esoscheletro per aiutare i paraplegici a stare in piedi e camminare ancora e restituire loro completa mobilità.  

Project March “pilot” Ruben de Sain at Cybathalon event

Il “pilota” di Project March Ruben de Sain all’evento Cybathalon 

Warner: Come ha iniziato questa squadra e come avete deciso di progettare un esoscheletro?

De Lange: Project March è stato fondato circa due anni e mezzo fa da Eiso Vaandrager che trovava studenti che erano entusiasti ed impegnati nel fare questo lavoro. Creò gli incarichi e le squadre e reclutò gli studenti. 

Warner: Perchè credi sia un buon progetto per studenti visto che diverse aziende commerciali stanno già portando avanti questa tecnologia? 

De Lange: Siamo studenti in R&D (Ricerca e Sviluppo) quindi possiamo innovare velocemente. Possiamo costruire un esoscheletro per anni giacché non siamo una compagnia che ha requisiti commerciali e restrizioni. Abbiamo bisogno, comunque, di partner per realizzare un nuovo esoscheletro ogni anno, che è possibile solo attraverso generosità e supporto. 

Ruben de Sain navigating balancing challenge

Ruben de Sain sfida l’equilibrio

Inoltre, gli studenti si impegnano talmente tanto! Del nostro gruppo di ventidue persone, diciannove hanno lasciato per un anno gli studi per lavorare a tempo-pieno alla Dream Hall. Siccome siamo un team tecnico, volevamo aumentare la nostra formazione con più abilità pratiche. Ci sono alcune persone nella squadra che hanno membri della famiglia paraplegici, quindi tale progetto ha un significato veramente personale per alcuni di loro. 

Warner: Hai avuto qualche approccio al tuo team da parte di compagnie commerciale per acquisire la tecnologia che avete sviluppato? 

De Lange: Abbiamo avuto delle compagnie che volevano aiutarci ad entrare nel mercato - ma abbiamo detto “No, grazie, ci dispiace.” Abbiamo deciso di stare in R&D e ad un livello studente per almeno cinque anni, o più. Stare in un team giovane, abbiamo ancora molto da innovare al di fuori dei limiti del business commerciale. Stimoliamo anche le compagnie commerciali per puntare più in alto utilizzando la mente brillante degli studenti e nuove idee. 

Warner: Ho visto che la tua squadra partecipa ad una competizione. Ci dirai di più riguardo ciò? 

Proud Project March students cheering on their pilot, Rueben

Studenti orgogliosi del Project March sostengono il proprio pilota,Rueben

De Lange: Sì, abbiamo una competizione alla fine dell’anno chiamata Cybathlon, che è come i Giochi Paraolimpici bionici. Ci sono sia squadre accademiche che di compagnie. Ci sono due squadre di studenti che competevano alla Cybathlon Experience: Project MARCH e Twiice. La grande competizione, Cybathlon, si svolgerà nel 2020. Fra gli eventi di quattro anni, ci sono gli eventi del Cybathlon Experience. Nell’ultima Cybathlon dell’ Ottobre 2017, c’erano tre squadre di esoscheletro del 2016 e arrivammo 2° - su una squadra commerciale chiamata ReWalk. 

Warner: Quali sono gli obiettivi principali che si hanno quando si inizia a costruire un esoscheletro da zero è previsto nel ciclo di costruzione per essere preparati per la competizione? 

De Lange: La nostra visione generale è ridare piena mobilità a persone che hanno un danno al midollo spinale per migliorare la loro qualità di vita. Per quanto la competizione continua, ogni anno scegliamo una persona per essere il nostro “pilota” che indossa e attiva l’esoscheletro. Non solo competono, aiutano anche a co-creare e a notificare le decisioni sul nostro progetto. Il nostro pilota attuale è Sjaan Quirijns che è una forte paratleta che viene al Project March quasi ogni mese per fornirci feedback sui nostri progetti. 

Exoskeleton in sitting pose

Exoskeleton in posizione seduto

Nell’ Agosto 2017, abbiamo iniziato a raccogliere idee per il nostro nuovo progetto e ci siamo chiesti cosa avremmo potuto raggiungere nel tempo di un anno - così come cosa potremmo fare in futuro. Dopo ciò, abbiamo iniziato il progetto seguito dalla fase di produzione. In seguito, abbiamo introdotto la fase di assemblaggio nella quale abbiamo creato tutti i sottogruppi. In ultimo, abbiamo assemblato l’intero esoscheletro. Verso metà maggio completeremo la costruzione finale seguita da operazioni di test e di debug. Condurremo un test di passeggiata-in-aria nel quale sospenderemo l’esoscheletro e lo faremo camminare continuamente. Poi, lo testeremo su una persona senza danno al midollo spinale per assicurare che funziona correttamente e che abbia una buona andatura. In ultimo, formeremo il nostro pilota, Sjaan, per tre mesi. C’è molto lavoro di debugging e di allenamento per Sjaan durante questo periodo.

La Cybathlon Experience è a fine settembre a Dusseldorf, Germania al Rehacare. Le compagnie sanitarie verranno a mostrare dispositivi di assistenza.

Warner: Quanta gente è nella sottosquadra elettronica e quanti circuiti ci sono nell’esoscheletro? 

De Lange: Abbiamo tre membri nel team elettronico. Ci sono PCB nello schienalino, sulle giunture ossee, del bacino, della caviglia e del ginocchio. Ci sono trenta circuiti in tutto.

Warner: Di cosa è costruito il telaio?

De Lange: Il telaio è in alluminio insieme alle giunture per renderli leggeri e potenti. Le coperture delle giunture sono parti in plastica stampate 3D, così come le impugnature per supportare il suo busto. 

Exoskeleton with 30 PCBs

Exoskeleton in posizione eretta

Warner: Come trovate i piloti?

De Lange: Abbiamo un rapporto con una clinica che aiuta le persone che sono paraplegiche. L’esoscheletro ReWalk è lì e la gente utilizza quest’esoscheletro per allenarsi. Camminare eretti ha molti benefici positivi per la salute. I nostri piloti devono essere fisicamente e mentalmente forti e preparati per molti sali e scendi. Questo contributo dai nostri piloti ci ha davvero aiutato a spingere la tecnologia in avanti nell’insieme. Sjaan ha remato per anni, corso sulla sedia a rotelle per maratone ed altre attività fisiche ed è felicissima di aiutare. 

Warner: Per concludere, Robbert, puoi condividere con noi cosa avete aggiunto all’esoscheletro di quest’anno? 

De Lange: A causa dell’infortunio di Sjaan al fondoschiena, abbiamo aggiunto delle bretelle per aiutare a stabilizzare il suo busto. Abbiamo anche aggiunto una protezione all’osso sacro aggiungendo alcuni punti di supporto. Le giunture della caviglia ora possono muoversi attivamente ed indipendentemente il che aiuta con l’equilibrio e lo schema di passeggiata. Abbiamo inoltre aggiunto un’ampiezza di passo variabile sulla camminata ed un nuovo input su stampelle ( non come le compagnie commerciali).  Non aveva senso per noi che il pilota doveva raggiungere il polso mentre cercava di camminare.

Robbert De Lange, Acquisition and PR for Project March

Robbert De Lange, Acquisition and PR for Project March

Warner: Beh, tutti noi di Altium siamo così orgogliosi di sostenere l'incredibile lavoro che il vostro team sta facendo a Project March. Grazie mille per il tempo dedicato a condividere i dettagli con noi e con i nostri lettori!

De Lange: Grazie, Judy. È stato un piacere. Grazie per il vostro sostegno!

About the Author

Judy Warner


Judy Warner has held a unique variety of roles in the electronics industry since 1984. She has a deep background in PCB Manufacturing, RF and Microwave PCBs and Contract Manufacturing with a focus on Mil/Aero applications in technical sales and marketing.

She has been a writer, contributor and journalist for several industry publications such as Microwave Journal, The PCB Magazine, The PCB Design Magazine, PDCF&A and IEEE Microwave Magazine and is an active member of multiple IPC Designers Council chapters.

In March 2017, Warner became the Director of Community Engagement for Altium and immediately launched Altium’s OnTrack Newsletter.
She led the launch of AltiumLive: Annual PCB Design Summit, a new and annual Altium User Conference.

Judy's passion is to provide resources, support and to advocate for PCB Designers around the world.

Follow on Twitter Follow on Linkedin Visit Website More Content by Judy Warner
Previous Article
Sfuggi alla Sofferenza del Viewer dei file Gerber ed investi in un Editor 3D per PCB
Sfuggi alla Sofferenza del Viewer dei file Gerber ed investi in un Editor 3D per PCB

Con calendari più corti e budget di R&D ridotti, non puoi affrontare il rischio di andare in produzione sen...

Next Article
Le Ragioni Principali Per Cui Un Software di Design PCB con Auto Routing Può Farti Risparmiare del Tempo
Le Ragioni Principali Per Cui Un Software di Design PCB con Auto Routing Può Farti Risparmiare del Tempo

C'è molto che può rallentare il tuo progetto, e l'instradamento di tracce è al primo posto della lista. Sof...